DUE ALI PER UNA FATINA


Quest’anno avevo trovato per Sofia un simpatico costume carnevalesco da Panda, le è anche piaciuto molto e lo ha indossato alla festa di carnevale all’asilo, ma poi…… ha visto le ali da farfalla che Mamma si era fatta per se e pronunciando una frase da rito propiziatorio :io sono una fata, io sono una fata, io sono una fata le ali sono magicamente apparse sulla sua schiena , trasformandola in un attimo in una dolce fatina .

Con queste ali fatate non potevamo che visitare un piccolo Castello Matildico che si trova nel paese reggiano di Castellarano. Domenica per le vie del suo borgo, Castellarano dedicava un’intera giornata al mondo del cioccolato,
tante le iniziative, per adulti e bambini organizzate e seguite da simpatici elfi che si aggiravano tra le mura della Rocchetta e non solo……
una simpatica degustazione guidata di cioccolato e vino nelle sale della Rocchetta quattrocentesca con finale a sorpresa; a tutti gli innamorati che nella galleria dei baci, davanti alla dea dell’amore (uomo), si davano un bacio ricevevano dei cioccolatini,
…..sull’Aia del Mandorlo c’era una rappresentazione per i bambini ispirata alla favola “La fabbrica di cioccolato”.

Castellarano è un bellissimo borgo castellano con un centro storico medioevale ottimamente conservato. Alla base del colle si trova la rocchetta di proprietà comunale, da cui si accede al borgo fortificato protetto dal cerchio delle mura che cinge la collina.Oltrepassata la porta anticamente preceduta da un ponte levatoio, si entra in Piazzale cairoli un tempo piazza d’armi.

Una suggestiva via acciottolata con sassi del fiume percorre l’antico paese e porta all’Aia del Mandorlo che si trova di fronte al castello (privato), fatto costruire dalla Contessa Matilde di Canossa e alla torre dell’orologio, un’antica torre di vedetta destinata a sorvegliare il Secchia, fiume un tempo navigabile.

Ma cosa ci fanno dei tortellini in mezzo a del cioccolato? Questo è uno scherzo di carnevale!
I tortellini infatti erano realizzati completamente di cioccolato, al loro interno avevano la nutella….buonissimi!


Tra castelli, cioccolato, giochi, elfi……. abbiamo passato una giornata davvero fatata!

Cioccolando per il Castello:
Domenica 21 Febbraio 2010 Castellarano (Reggio Emilia) www.proloco-castellarano.org Tel. 0536.859253. Quì scaricate il volantino dell’evento 2010

edizione 2014 domenica 16 febbraio

Quando e perchè andare a Castellarano:

In SETTEMBRE si tiene la  Tradizionale Festa dell’Uva, durante la quale nell’Aia del Mandorlo e per le vie del borgo viene celebrato un matrimonio principesco seguito da un corteo storico in costumi d’epoca.
In MAGGIO la MAGNALONGA, quest’anno sarà il sesto appuntamento con SENTIERI GOLOSI, camminata non competitiva con tappe enogastronomiche.
Un appuntamento da non perdere per trascorrere una domenica in compagnia, all’insegna della natura, del buon cibo e dell’allegria!

Come raggiungere Castellarano: Dal casello autostradale A1 uscita Modena Nord, strada statale 486 in direzione Sassuolo Maranello Abetone, poi strada Provinciale Modena-Sassuolo direzione Abetone, poi SP467 direzione REggio Emilia, infine SP486R attraversamento veggia-Villalunga, proseguire dritto si raggiunge Castellarano centro.

ultima modifica effettuata il 10/02/2014

Chi mi ha ispirato per le ali da fatina:
Martha Stewart
Paneamoreecreatività

 

Potrebbero interessarti: