Il primo giveaway non si scorda mai

 

Fra poche settimane il nostro blog compirà un’anno, chi l’avrebbe mai detto che i nostri viaggi e la nostra vita potessero interessare a qualcuno. Invece abbiamo conosciuto molte persone alcune delle quali sento particolarmente vicine e da molte traggo ispirazioni e sostegno….. questi sono veri e propri regali che voi mi fate quotidianamente,. Come ogni compleanno che si rispetti alla fine ci sono sempre uno o più regali, ed allora questa volta il regalo lo farò io a voi . Con un pochino di emozione lancio il primo blog candy della storia di questo blog.

Ma prima vi voglio raccontare una storia quasi magica….
E’ il 3 novembre del 2005 e nasce sotto il segno dell’asino Almayer . Un segno propiziato, quasi dieci anni prima, dal mitico viaggio dai monti al mare di due amici (Luca Caffaro e Massimo Montanari) e di due asinelle (Brunella e Clarissa), che è diventato l’inizio di una lunga storia.
In quel periodo Luca e Massimo lavorano insieme come guide escursionistiche sull’Appennino. Luca è un genovese sbarcato tanti anni fa sull’Appennino modenese; Massimo è di Reggio Emilia, ma i sentieri di montagna sono sempre stati la sua vera casa. Il loro incontro con gli asini è un vero colpo di fulmine. Gli asini non sono stupidi, non sono testardi, non sono scontrosi; gli asini sono intelligenti, sono affettuosi e sono pazienti. Ma soprattutto sono quasi a rischio di estinzione, soppiantati nel lavoro dalle macchine e nello stile di vita da ritmi sempre più frenetici.
Massimo capisce che l’asino è il simbolo di tutto ciò in cui crede: l’amore per la natura, la lentezza, la profondità dello sguardo sulle cose. Da allora gli asini sono entrati nella sua vita e nel suo lavoro di guida escursionistica ed animatore, che lo porta ormai in tutta Italia insieme con Edi Righi, l’amico con il quale ha fondato
Aria Aperta.
Oggi, grazie a persone come Massimo ed Edi, ad appassionati, ad allevatori e ad associazioni di tutela, il futuro degli asini è più luminoso e sereno. Gli asini non servono quasi più nei lavori dei campi, e non dovrebbero più nemmeno essere serviti… in tavola, come pietanza. Gli asini possono essere meravigliosi animali da affezione e da compagnia. Possono accompagnarci nelle passeggiate o nei viaggi a piedi nella natura, possono diventare i migliori amici dei nostri bambini, possono aiutarci nella psicoterapia e nella riabilitazione fisica, possono dare il loro latte ai neonati con intolleranze alimentari, possono essere dei compagni di gioco e di… lettura: come nel caso di «Asino chi legge».
«Asino chi legge» è uno spettacolo di letture animate per bambini e di educazione alla lettura nelle scuole, dove gli asinelli di Massimo ed Edi, con i basti pieni di libri e di emozioni, vanno in giro per l’Italia seminando pagine e pagine scritte e lette. E dove ogni raglio non è uno sbaglio! Ma «Asino chi legge» è anche una collana di libri illustrati per bambini, pubblicati da Almayer Edizioni, che nasce da questa fantastica esperienza. Perché l’asino ci fa sognare e ci aiuta a capire meglio le cose. Come l’asino, il libro è lento; come il libro, l’asino ci fa pensare.
Come nasce «Asino chi legge»? Facciamo un passo indietro. Dopo l’esperienza di guida escursionistica Luca si è messo a fare il prof di filosofia e il grafico. La sua passione per i libri, in particolare per i libri illustrati per bambini, trova in Massimo un prezioso compagno di viaggio. Massimo si chiede: «Perché non fare libri nostri, invece di usare quelli degli altri?». Lui già scrive filastrocche per le sue letture animate: bisogna solo farle diventare un libro. A questo punto entra nella storia Antonella Battilani, artista modenese e maga dei gessi colorati: sono suoi i bellissimi disegni dei primi libri di Almayer Edizioni.
Il nome scelto da Luca per la sua casa editrice richiama il titolo del primo libro di Joseph Conrad, «La follia di Almayer». I motivi di questa scelta sono numerosi e segreti, ma uno lo possiamo dire: è una follia per un microeditore sfidare il mare in tempesta dei monopoli dei grandi gruppi editoriali, ma Almayer naviga lo stesso e grazie all’aiuto dei suoi compagni di viaggio cerca di tenere la rotta, con la tenacia di un asinello di mare.
Ho incontrato Luca ad una fiera letteraria, l’ ho contattato e lui e stato entusiasta di aiutarmi in questa mia prima esperienda di blog candy.
Ma veniamo al gioco…..alla vincitrice del Giveaway andrà una “patente da asinolettore , consiste in ben sette libri tra quelli delle collane ,edizioni Almayer; ma ci sarà una seconda estrazione ed il vincitore come premio di consolazione riceverà quattro libri tra quelli di Almayer edizioni.

Le regole per partecipare al giveaway sono semplici e vi può partecipare sia chi ha un blog che chi non ce l’ha (in tal caso basta lasciare un commento al post e diventare sostenitori del nostro blog):

1. lasciate un’unico commento a questo post

2. diventare mio sostenitore

3. copiaincollare il badge dell’iniziativa sul vostro blog , lo trovate all’inizio del post

4. scrivere un post sul vostro blog dove segnalate questo giveaway e linkate questo post

Il giveaway scade il prossimo 26 Marzo 2010 alle 00:00, i vincitori verranno estratti a sorte tra tutti quelli che avranno lasciato il commento e rispettato le regole.

Partecipate numerosi e IN BOCCA AL LUPO !

Link

info@almayer.it
http://www.almayer.it/

http://www.asinochilegge.info/

http://www.aria-aperta.it/

Guarda il video dove Massimo Montanari presenta il libro filastrocche col pennello Guarda la nostra giornata con Aria-aperta tra vendemmia e asinelle.
I prossimi eventi dove potrai incontrare almayer edizioni: LIBRIAMODENA 2010

 

 

 

Potrebbero interessarti: