Preparare un viaggio con i bambini, Parigi

La Ville Lumiere, definita “la città più romantica al mondo”, in autunno immersa nei colori del giallo, dell’ arancio, del marone, è ancora più suggestiva ed imperdibile .
Passeggiare lungo la senna o
in uno dei suoi parchi, affittare una barchetta giocattolo in legno e farla scivolare nel laghetto oppure sedersi sulle sedie in ferro nei Jardin du Luxembourg, per ammirare la natura che cambia aspetto e le foglie degli alberi che si infiammano, correre a perdifiato su tappeti di foglie…..
Vivere Parigi in questo magico periodo dell’anno era una cosa che desideravamo da molto tempo, e quando qualche settimana fa la nostra bimba, ad un tratto ci ha detto:

” Mamma, Papà… andiamo a Parigi? io non ho mai visto la Torre Eiffel! ”


beh…ci siamo guardati ed è scatta la cla
ssica “scintilla”, la sera stessa eravamo già davanti al computer a cercare un volo(possibilmente low-cost), per Paris.
Credo che per Sofia , sia tutto nato da un libro che stiamo leggendo da qualche mese….

“cara Sophie, questo è francese, e io adoro la Franscia! adesso ho una valigia très chic, come dicono quì….” “quì c’è la Tour Eiffel, la torre più alta che io abbia mai visto. Per fortuna c’è un’ascensore che ti porta su. Il panorama è fantastico….” “La gente si porta il pane sotto il braccio, ed è un filone lungo come un manico di scopa.”
Lettere da Felix un leprotto in giro per il mon
do di Annette Langen e Costanza Droop.
 Felix è un leprotto di una bimba di nome Sophie, in questo volume che è il primo di una serie, Felix si perde in un areoporto e sale sull’aereo sbagliato. Sophie è molto sola senza il suo dou-dou, ma un giorno arriva una lettera dal suo Felix. Il leprotto avventuroso,ha deciso di girare un po il mondo prima di tornare dalla sua padroncina. Da ogni paese che visiterà le manderà però una letterina.
Fin dalle prime righe Sofia è stata to
talmente rapita dalla storia e si è calata nel personaggio, sarà perchè anche la bimba del libro si chiama Sophie o perchè la nostra bimba ha una nonna che come la zia Edda di Sophie, adora viaggiare e dai suoi viaggi le porta sempre qualche souvenir e fotografie, fatto è che alla mia bimba i libri di Felix la fanno volare con la fantasia.

Ora scappo perchè ho ancora l’ultima valigia da terminare, ma vi lascio con qualche immagine di come abbiamo prepar
ato noi questo viaggio:

I giorni che precedono una partenza sono sempre elettrizzanti per l’intera famiglia, per noi lo è sempre stato ed ora con S. lo è forse di più. L
ei ci trasmette anche la sua gioia di scoprire e di capire, così per renderla pienamente partecipe, per ogni viaggio leggiamo insieme qualche libro a tema, guardiamo cartine, cuciniamo qualcosa del paese che andremo a visitare oppure giochiamo a qualche gioco tradizionale ecc…
Per Parigi le possibilità erano davvero tantissime, in Francia ed anche a parigi sono nati personaggi dei cartoons molto conosciuti, come gli Aristogatti, Asterix il Gallico, il gobbo di Notre-Dame, i Barbapapà, l’elefantino Babar….
Noi abbiamo guardato in DVD il cartone animato “Gli Aristogatti” ed abbiamo giocato con Minou (Marie) e la sua famiglia di Aristogatti, nella loro villa a
Parigi …


Abbiamo preparato le crepes alla cannella e le abbiamo mangiate a colazione….


e poi abbiamo letto due libri; il primo è un libricino che parla di Tino, un cioccolatino al latte che vive in una cucina un po magica, adora ballare e viaggiare. 
Tino è il protagonista, insieme alla sua fidanzata Nugabella, una caramella al cuore di nocciola, di avventure dolci e divertenti. Nel libricino letto da noi ,Tino e Nugabella partono per un viaggio a Parigi…


“Attraversarono Parigi, superarono Place de la Bastille e il suo teatro, videro il museo del Louvre e passarono davanti al Palazzo Reale.” “Nugabella e Tino guardavano meravigliati le vie di Parigi, con le loro case antiche e i palazzi moderni, e infine si infilarono in Rue Saint Honorè, la via più elegante della città:là c’era la chocolaterie du Paradis, dove lavorava Gaston.” “Era veramente un posto delizioso, pieno delle più appetitose dolcezze francesi:noccole e mandorle pralinate, canditi all’arancio e al limone, torroncini e marrons glacès.”..
Tino il cioccolatino va a Parigi di Chiara Patarino e Aurora Marsotto Piemme Junior

Il secondo, è un volume molto divertente che parla di Napoleone ma in chiave ironica e “funghesca”. Napoleon è un champignon che subito dalla nascita è capriccioso, furbo ed irriverente, gioca con i soldatini e presto arriva anche la sua passione per l’arte militare…..


Napoleon champignon di Gilles Bachelet, Motta Junior


A presto….

Potrebbero interessarti: