Cosa piace fare davvero ai bambini quando sono in viaggio

Cosa piace fare davvero ai bambini quando sono in viaggio

Contrariamente a quanto alcuni genitori credono, i bambini amano essere in posti  radicalmente diversi da casa  e spesso tutte le avventure ed esperienze che devono affrontare  diventano i loro migliori ricordi di viaggio. Io mi ricordo ancora i  viaggi che ho fatto quando ero piccolina ed uno dei miei viaggi preferiti più insoliti ed avventurosi è stato in Tunisia ,  e ‘stato magico arrivare in hotel a notte fonda e siccome era tempo di Ramadam per tutta la notte abbiamo ascoltato le  preghiere islamiche, è stata emozionante anche  la visita alla Medina con tutti i suoi colori e i profumi di spezie, ho amato quel viaggio e quel paese perché era così diverso da come era l’Italia .

Ci sono cose che rendono indimenticabile e unico un viaggio, cose che normalmente non si farebbero a casa, esperienze che non si potrebbero fare se voi non aveste deciso di intraprendere quel viaggio. In ogni destinazione ci sono dettagli unici , basta cercarli, saperli cogliere, catturarli come tanti piccoli momenti da vivere insieme, momenti che per tutti voi rimarranno memorabili,  insostituibili ed incancellabili  .

Ma partiamo dall’inizio,  con la preparazione al viaggio e fare la valigia ,

Fare la valigia

coinvolgete i vostri bimbi fin da questa prima fase del viaggio perché anche se non siete ancora partiti, loro, come certamente voi, iniziano a sognarlo , a sentirlo, a fantasticare su quello che vedranno e visiteranno, è utile anche raccontare storie, leggere libri insieme ,sul tema del luogo che visiterete e naturalmente coinvolgerli nella preparazione della valigia, solitamente a loro piace molto.

Quando la mia bimba era molto piccola ed io dovevo preparare le valigie, mi osservava e cercava di aiutarmi , ma perdevo sempre molto tempo nel cercare di ripiegare quello che stropicciava o sparpagliava per casa invece di lasciarlo nella valigia, quindi vi capisco se questo vi crea molto nervosismo e stress,  magari posso consigliarvi ciò che ho fatto io, cioè aspettare che crescano un pochino e poi preparare una check list con disegni in modo che possano seguirla ed iniziare a preparare la loro piccola valigia , inizialmente con la vostra supervisione, mano a mano il vostro intervento sarà sempre meno necessario.

La pioggia

Nell’estate appena passata la mia bimba più grande ha fatto un viaggio in treno con la nonna ed in stazione nel cambiare da un treno ad un altro, ha iniziato a piovere fortissimo, una vera tempesta . Siccome erano vestite estive e non attrezzate si sono completamente inzuppate e così dopo essere riuscite a salire sul treno si sono dovute completamente cambiare , quando è arrivata a casa la prima cosa che mi ha detto eccitatissima  e felicissima ” mamma con la nonna abbiamo fatto un’avventura….!!”

Il meteo crea sempre molta ansia a tutti i viaggiatori e noi mamme non siamo escluse .  Però viaggiando ho notato che in molti paesi del nord Europa, gli ombrelli non si usano quasi mai, le persone camminano sotto la pioggia. Se in Italia un giorno dovesse piovere,  nessuna mamma porterebbe  i propri bimbi in bicicletta o al parco, cosa invece che può accadere di vedere in Irlanda, Inghilterra, Svezia, Norvegia…per forza! La media dei giorni di brutto tempo è ampiamente superiore ai giorni di sole, ci si deve adattare ! Quindi , col tempo anche io sono diventata una mamma viaggiatrice meno apprensiva .  Un proverbio svedese  dice “non esiste il cattivo tempo, esistono solo cattivi abiti ” (Det finns inget dåligt väder bara dåliga kläder) , credo più o meno si scriva così ! Dovesse quindi anche piovere infilategli mantellina e stivali di gomma e via, i bambini adorano passeggiare sotto la pioggia e saltare nelle pozzanghere  ( un po come Peppa Pig) !

Mangiare in aereo

Come dicevo ci sono cose che si possono fare solo durante un viaggio , come ad esempio mangiare su un aereo. Mangiare  a migliaia di metri di altezza,  con il loro vassoio, il loro menù ,  le salviette umidificate e tutto li resto è un’ avventura di viaggio davvero speciale per dei bambini (ma se siete come me degli inguaribili Peter Pan lo sarà anche per voi adulti) . Oppure in treno, come nel nostro ultimo viaggio a Napoli a bordo di Italo, dove è possibile richiedere anche il menù colazione e viene servito in una piccola ed attrezzata scatolina .

colazione su Italo

Fare fotografie

Questa è un’altra di quelle cose che dovreste incoraggiare, perché il fare da soli li fa sentire grandi ed orgogliosi di se stessi e delle loro capacità. Imitandovi si sentiranno dei piccoli fotoreporter  ed una volta tornati a casa, sarà bellissimo guardare insieme i loro scatti. Se sono molto piccoli iniziate con una macchinina fotografica giocattolo come quelle di plastica dei negozi di giocattoli, poi passate ad una compatta , a quel punto aspettatevi che ogni tanto vi chiedano di usare la vostra reflex…..

sofia a Barcellona

Avere una propria valigia 

La prima valigia

Secondo la mia esperienza, non avrete scelta, mettete in previsione che appena tornati dal primo viaggio, vi chiederanno di comprarne subito una anche a loro! Se volete che i vostri bimbi crescano amando il viaggiare , assecondateli anche in questo punto perché è anche imitandovi che cresceranno viaggiatori!

 

Fare da navigatori

sofia con mappa BA

 

Credo che ogni bimbo ami tenere in mano una mappa, penso che sia perché li fa sentire dei grandi esploratori, in più essere loro ad indicare la strada giusta a mamma e papà li fa sentire certamente molto importanti per la famiglia . Se i bimbi sono piccolini sarà bellissimo vedere come si divertono ad indicarvi una strada del tutto inventata !! potete portavi in viaggio una mappa vecchia o una copia della vostra ed al bisogno lasciare a loro quella ,  voi non perderete tempo e loro si divertiranno ugualmente .

Lo street food

Il cibo di strada è uno degli aspetti più veri e tipici del paese che si sta visitando ed alla base c’è sempre una cucina povera fatta di piatti semplici . E’ un modo di mangiare autentico ma anche informale e rapido , i bambini lo adorano ma per noi è un vero “must” di viaggio, una di quelle cose irrinunciabili .

crepes a Parigi

Questo l’ho capito viaggiando con la mia bimba che a casa ha sempre mangiato poco, i suoi pasti sono sempre scarsi, ma quando siamo in viaggio la sua curiosità aumenta e mangia sempre tanto e continuamente, adora assaggiare i cibi nei chioschetti del take away per lei è “un’avventura di viaggio” spesso poi hanno packaging accattivanti e per i bimbi questo è  molto invitante.

Lo shopping

Qui mi riferisco agli acquisti che piacciono ai bambini, cioè qualche souvenir o ricordino da portare a casa o da regalare ai nonni o agli amici. Noi generalmente non partiamo mai senza aver acquistato qualcosa di tipico  che ci possa ricordare il viaggio , i nostri souvenir preferiti sono i magneti , ma altre idee potrebbero essere le cartoline, i costumi o i cappelli tipici,strumenti musicali,  i giochi tradizionali come ad esempio le matrioske russe o il Bao africano,  lo Yo Yo ecc… .

Potrebbero interessarti: