Come fotografare i bambini in viaggio, in città

Come fotografare i bambini in viaggio, in città

Eccoci al terzo appuntamento per come migliorare le foto dei nostri bimbi in vacanza. Oggi parliamo delle situazioni che non siano montagna o mare.

Questo è anche l’ultimo appuntamento di questo mini corso di piccoli consigli non tanto sulla tecnica fotografica ma sui trucchi di come ottenere degli scatti naturali anche in situazioni di scarsa collaborazione da parte dei nostri piccoli amori.  Ricordate che l’importante non è avere il bambino in posa sorridente (?) davanti a questo o a quel monumento ma cogliere l’interazione del bambino nel posto dove si trova, la sua voglia di giocare, il suo stupore e a volte anche la stanchezza.  Sono questi i ricordi che davvero varrà la pena serbare, quelli che anche il bambino troverà “belli e interessanti” da rivedere, per i quali c’è una storia da raccontare, ricordi che altrimenti il bambino pian piano vedrà sbiadire nella sua mente (dicono che i ricordi in quanto tali si “fissino” nella memoria a partire dai 5/6 anni d’età) ma che con l’aiuto delle foto rimarranno sempre vivi e presenti.

Riprendeteli mentre giocano 

Fontana1

Fontana2

fontana3

O mentre fanno un’esperienza straordinaria come guidare un motoscafo:

Titisee

Se state visitando un palazzo osservate e guardate cosa fa vostro figlio all’interno del palazzo.

Se siete in un museo cogliete vostro figlio mentre contempla un quadro e non davanti al quadro.

In questo modo nelle foto rimarrà quello che loro stanno osservando!

Swarovski

Donauquellejpg

audioguida

Sono anche i piccoli, “insignificanti” momenti che rendono un viaggio speciale quindi non dimenticate di riprenderli: prima del viaggio, mentre si mangia qualcosa di tipico, se in aereo, mentre il bimbo guarda fuori dal finestrino.

Esperienze copy

Cercate d’essere presente anche voi, ogni tanto, nelle foto! Affidate la macchina fotografica a vostro marito, fidatevi dei vostri bimbi e datela in mano anche a loro, chiedete a un amico e o un passante che faccia una foto di famiglia. Non importa se poi non sarà una foto perfetta, la cosa più preziosa è il ricordo!

Freiburg

Se avete una macchina fotografica compatta impostatela su sport o bambini in movimento, in questo modo riuscirete ad evitare le foto mosse (bambini e foto mosse sembra vadano a braccietto, chissà perchè!)!

 Bled

A volte poi capita che si visiti qualcosa di giorno,

sotto il sole di mezzogiorno… (insomma non sempre si può decidere di fotografare nelle ore migliori!)

Bene, lasciate il sole alle spalle del soggetto (creando un bellissimo alone luminoso attorno alla figura) e fate scattare il flash! (che effettivamente non andrebbe mai usato!)

Unamammaperfotografa

Questi sono altri piccoli suggerimenti che mi sento di darvi, a costo di ripetermi:

– Evitate le foto in posa, in vacanza. E’ più bello il ricordo di uno sguardo di stupore che un sorriso finto!

– Non è che perché siete in vacanza i vostri bimbi saranno propensi ad essere fotografati. Al contrario può rivelarsi un’impresa anche più ardua del solito! Anche loro hanno le giornate si e le giornate no, anche in vacanza. (anzi, a volte lo stravolgimento  della loro routine quotidiana li rende ancora più irrequieti e hanno bisogno di un paio di giorni d’ambientamento, vero?). Allora, come fare? Cercate di non insistere, giocate con loro, create l’occasione, non fate vedere che ci tenete così tanto a riprenderli, e poi quando vedete che l’atmosfera è rilassata, allora scattate!

– Lo so che il telefonino è quello che oramai è sempre a portata di mano però cercate di sforzarvi ad usare quella bella macchina fotografica che tenete sempre chiusa nel cassetto. Lo so, è pesante, avete paura che si sporchi, che si rompa ma ricordate che nel momento che vorrete stampare le foto fatte con il telefonino la qualità è davvero scarsa!

– In ogni caso non esagerate, i bambini vogliono anche giocare con la loro mamma (o papà) e non solo essere immortalati (e questo è un consiglio che io per prima devo tenere bene a mente!). Ricordate che siete in vacanza!

– E da ultimo ma non perché si la cosa meno importante: ricordate il carica batterie, le schede di memoria, non fate come me che ho dovuto comprarne una in una piazza centrale di una città spendendo una fortuna solo perché avevo lasciato la mia inserita nel pc! Anzi portatene anche una di scorta! Non è mai bello dover cancellare le foto fatte solo perché manca la memoria necessaria per arrivare alla fine del viaggio!

Non mi resta che augurarvi buone vacanze e buoni scatti!

LEGGI ANCHE

Come fotografare i bambini in vacanza al mare

Come fotografare i bambini in vacanza in montagna

 

Potrebbero interessarti: